Il Comune Turismo & Eventi
Approfondimenti
TUTTOGARE

Piattaforma telematica di negoziazione del Comune di Misano Adriatico

Vai al sito >

Portale Fondazione Turistica Misano Adriatico

Informazioni, luoghi, eventi per la vacanza a Misano Adriatico 

Biblioteca e Cultura

Vai al portale della “Cultura a Misano Adriatico” con tutti i servizi e le iniziative organizzate dalla nostra biblioteca comunale

Nuovo Piano Urbanistico Generale del Comune di Misano Adriatico (PUG)
SUAP

Sportello Unico per le Attività Produttive: vai al portale con tutte le informazioni per le aziende e le imprese

Sistema Informativo Territoriale
Protezione Civile

L’ambito locale di Protezione Civile RIVIERA DEL CONCA è costituto dai Comuni di Cattolica, Coriano, Misano Adriatico, Riccione e San Giovanni in Marignano

Calcolo IMU e stampa F24

Clicca sull'immagine e collegati alla pagina per calcolare la tua IMU

Imposta Di Soggiorno
Insieme a pesca di emozioni

E' un progetto a favore di giovani finalizzato all'inclusione sociale.

Leggi tutto cliccando sull'immagine

Servizio Concabus

E' attivo il servizio di trasporto pubblico locale a chiamata Concabus.

Per ulteriori informazioni

Click...restiamo vicini

È questo il nome del nuovo “spazio di incontro” dedicato alle famiglie ed ai bambini della fascia 0/6 anni.

Accedi alla sezione

Misano, per un commercio vicino e sostenibile

Un progetto per confrontarci sulle strategie sostenibili di sviluppo commerciale e migliorare i luoghi in cui viviamo

Commissione pari opportunità

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Commissione Pari Opportunità (CPO) appena insediata ha accolto con entusiasmo e grande consapevolezza del lavoro da compiere l’incarico che le è stato affidato. La commissione è nominata dal Sindaco, sulla base delle designazioni del Consiglio Comunale; è formata da 14 membri incaricati dalle forze politiche che compongono il Consiglio stesso, ciò le garantisce la più ampia rappresentanza e autonomia anche in virtù degli scopi trasversali che si prefigge di raggiungere.

Noi ci siamo poste l’obiettivo di promuovere e partecipare a progetti e iniziative “per la tutela e l’effettiva attuazione dei principi di uguaglianza e di parità sociali sanciti dalla Costituzione” (art.1 co. 1 regolamento c.p.o). Ci impegneremo quindi in tutti gli ambiti della società, con particolare riguardo ai giovani, per diffondere una cultura delle pari opportunità fra uomo e donna e che consideri come valore assoluto il rispetto delle differenze e del confronto. Per questo motivo ci rendiamo partecipi di un progetto a lungo termine che sarà capillare sul nostro vasto territorio, che ci vedrà attente e sensibili nel tradurre in azioni concrete questi presupposti, laddove necessario facendo anche “rete” con altri soggetti, pubblici e privati. Occorre agire in prima persona e sul campo per conoscere il sistema di valori culturali, sociali ed educativi che regola la nostra comunità; per inserirci con progetti anche piccoli, ma mirati e ben strutturati dentro la complessità del nostro territorio; per non abbassare mai la guardia quando si parla di rispetto e di dignità degli esseri umani; per non abituarsi mai alla violenza. Non possiamo certo trascurare i numeri o, ancor peggio, fingere che riguardino realtà lontane dalla nostra, noi tutti siamo responsabili. Da qui si deve partire: dalla consapevolezza che solo la conoscenza e il rispetto dell’altro portano alla libertà.

 

La Commissione Pari Opportunità

 

Presidente della commissione: Manuela Casalboni

Vicepresidente: Laura Rambelli

Componenti della commissione:

• Ascani Anna Lisa

• Cecchini Lara

• Delbianco Lisa

• De Luca Valentina

• Fabbri Martina

• Giannini Chiara

• Maggiotti Marica

• Pontis Veronica

• Riminucci Romina

• Scarsato Daniela

• Sgrilletti Francesca

• Tiraferri Angela

 

 

Lo sportello della Commissione pari opportunità si trova in Via Repubblica 140 (sede comunale) ed è aperto il giovedì dalle ore 14.00 alle ore 16.00


Tel. 0541/618425

Fax 0541/613774

e-mail: pariopportunitamisano@gmail.com

Lavoro. Libere tutte!

 

"Lavoro. Libere tutte!": la consigliera Giulia Corazzi (video dell'intervista) spiega questo progetto dedicato al lavoro femminile della provincia di Rimini in collaborazione con la regione Emilia-Romagna e finalizzato alla conciliazione vita e lavoro. Questa iniziativa raggruppa oltre 50 partners da tutta la provincia fra enti locali, comuni, associazioni di categoria, sindacati e università.

Il bando è strettamente radicato al nostro territorio e alle sue caratteristiche lavorative, questa sua specificità lo rende davvero prezioso. Sarà composto da due percorsi separati: uno dedicato alle lavoratrici e uno alle aziende.

Per quanto riguarda le lavoratrici partiranno dei corsi di empowerment per tutte le donne- imprenditrici, dipendenti, disoccupate- per permettere di affinare le loro capacità, o di ampliarle e specializzarsi ulteriormente.

Un'altra parte del progetto riguarda invece le aziende, ovvero le attività produttive presenti nella provincia. Per una quindicina di loro si apre un bando per candidarsi ad avere un percorso personalizzato, uno studio mirato alla propria azienda con formazione e coaching. Si tratta di un percorso totalmente gratuito e altamente qualificante.

 

Un grande lavoro di squadra sul territorio, un investimento importante per la professionalità di tutte noi, un'opportunità da non perdere. Ad oggi può essere un punto di partenza per rimettersi in gioco in questa fase di ripensamento generale legata alla ripianificazione del mondo del lavoro, con uno sguardo al futuro in termini di welfare, conciliazione e flessibilità.

 

Il progetto sarà composto da due percorsi separati dedicati:

1. alle lavoratrici: con corsi di self empowerment per tutte le donne- imprenditrici, dipendenti, autonome- per permettere di affinare le loro capacità, o di ampliarle e specializzarsi ulteriormente.

Partirà da ottobre.

2. alle aziende: con un percorso totalmente gratuito e altamente qualificante composto da tre tappe: analisi del contesto lavorativo, corsi di formazione e consulenza personalizzata in azienda, cui far seguire azioni concrete e scelte organizzative.

 

Possono aderire al percorso le imprese con oltre 15 dipendenti con priorità per quelle

• ubicate nei Comuni dell’entroterra della Provincia di Rimini

• con oltre il 30% di donne lavoratrici

Adesione: entro 20/07/2020.

 

Per informazioni dettagliate del progetto visita il sito https://lavoroliberetutte.wordpress.com/2020/02/25/percorso-di-welfare-aziendale/

Oppure: segreteria Consigliera provinciale alle Pari Opportunità d.bertozzi@provincia.rimini.it - Tel.: 0541 716236

 

Le imprese che vogliono aderire al progetto devono compilare il Modulo on line (scadenza domande 20 luglio 2020).

 

 

Per iscriversi ai corsi di “Self empowerment” (pre-adesione entro il 30/09/2020) occorre compilare il Modulo on line.

Possono iscriversi le donne residenti o domiciliate in Provincia di Rimini con priorità per:

• donne con oltre 45 anni

• con contratti di lavoro a tempo determinato (anche non attivi) nel settore del turismo

Durata: 16 ore

Per saperne di più corsi di “Self empowerment”: https://lavoroliberetutte.wordpress.com/2020/02/25/corso-self-empowerment/

 

 

Per ulteriori informazioni:

“Self empowerment” (pre-adesione entro il 30/09/2020) occorre accedere al form on line
https://forms.gle/n1BwjnmbTAAXqSCJA
Una panchina rossa a Misano Adriatico. Si potenzia il centro antiviolenza per ascoltare e aiutare le donne vittima di soprusi

 

Un presidio di potenziamento del centro antiviolenza distrettuale ed una panchina rossa per Misano. Venerdì 29 novembre 2019 è stato presentato alla cittadinanza di Misano il progetto di potenziamento del Centro Antiviolenza Distrettuale Chiama chiAma, che prevede l'apertura di sportelli territoriali ed il posizionamento di Cassette Viola in punti strategici dei vari comuni del Distretto Sud di Rimini, fra i quali appunto Misano Adriatico.

 

La volontà è quella di creare presidi per prevenire e contrastare la violenza sulle donne ed in grado di supportare e sostenere chi viene minacciata o subisce soprusi. Sarà più facile, con la presenza di antenne territoriali, implementare la costruzione di reti sociali di sostegno che facilitino, attraverso la condivisione, l’uscita dall’isolamento.

 

All'iniziativa erano presenti, oltre ai ragazzi del Consiglio Comunale dell'istituto comprensivo di Misano, tutti i soggetti attori della rete provinciale: il Sindaco Fabrizio Piccioni e la Vicesindaca Maria Elena Malpassi, la Presidente Loretta Michelini e l'Avvocata Chiara Gamboni della Associazione MondoDonna Onlus, la Consigliera Provinciale alle pari opportunità Giulia Corazzi, il Luogotenente della stazione Carabinieri di Misano Nicola Travaglino e Aleandro Carboni della Polizia Municipale di Misano.

 

Nell’occasione è anche stata inaugurata una panchina rossa, un simbolo che Misano Adriatico ha voluto fortemente sul proprio territorio per testimoniare la volontà di non abbassare mai l’attenzione su una piaga sociale purtroppo dilagante.

 

"Nel 2018 sono state 142 le donne uccise - spiega la Vicesindaca Maria Elena Malpassi - 94 i femminicidi nei primi 10 mesi del 2019. 88 donne ogni giorno sono vittime di violenza, una ogni 15 minuti. L' 80% sono italiane e per il 74% lo sono anche i loro carnefici. Tragedie che accadono soprattutto in ambito familiare, all'interno della coppia ed il movente è spesso la gelosia che si trasforma in possesso. Numeri drammatici ma che è necessario ricordare per capire l'entità spaventosa del fenomeno. La violenza sulle donne è un vero e proprio allarme sociale e culturale, che tutti abbiamo il dovere di sconfiggere ad ogni costo.

 

Serve un'azione collettiva che lavori soprattutto in chiave preventiva e sull'educazione delle nuove generazioni, perché saranno loro gli uomini e le donne del domani. Ed è questo il motivo per cui ho voluto fortemente che oggi fossero con noi i ragazzi dell'Istituto Comprensivo, con i quali, come Amministrazione, lavoriamo proprio con l'intento di sensibilizzare e diffondere in loro la cultura del rispetto.

 

Fondamentale è poi la rete dei servizi presenti sui territori, a partire dai pronto soccorso fino ai centri antiviolenza, passando per le Forze dell'Ordine.

 

Ed oggi i soggetti della rete erano tutti qui insieme a noi ad inaugurare il presidio distrettuale e la panchina rossa per Misano, a testimonianza del costante e prezioso lavoro di squadra e condivisione indispensabile per dare protezione e risposta al momento del bisogno, ma anche per prevenire e contrastare il verificarsi di episodi spesso drammatici".

Numeri utili
Numeri utili
Numeri utili